frfrfr
JCall raggruppa cittadini ebrei europei e amici di Israele che aspirano ad una pace in Medio Oriente sulla base di un accordo fra israeliani e palestinesi secondo il principio di “due stati per due popoli.
Trasmettere la Memoria storica per combattere il nuovo antisemitismo

In più paesi d’Europa e negli Stati Uniti vi è stato in anni recenti un aumento vistoso di episodi di antisemitismo – omicidi, aggressioni fisiche, insulti e minacce nei media, profanazioni di luoghi di culto e cimiteri ebraici. I dati registrati sono…

Call by prominent Israeli’s – We condemn the attack on Italian MP Laura Boldrini

As Israelis dedicated to peace and human rights, we condemn the attack on Italian MP Laura Boldrini 27 December 2021 We deplore and strongly condemn the toxic smear campaign against Italian Member of Parliament Laura Boldrini. Ms. Boldrini has been…

UN NUOVO GOVERNO IN ISRAELE: ETEROGENEO, PARALIZZATO? FORSE NO

Il governo testé formatosi in Israele è una coalizione assai eterogenea di otto partiti. La sua raison d’etre primigenia è dettata da uno scopo che primeggia sul resto: porre fine alla disfunzione paralizzante per il paese prodotta dal ripetersi negli…

Clima: banco di prova per il peace-building in Medio Oriente

Foto del Giordano L’attenzione al degrado ambientale e alle misure necessarie per contenere gli effetti avversi dei mutamenti climatici è tardiva e ancora assai limitata in Medio Oriente. Eppure, le statistiche disponibili dipingono una realtà molto preoccupante. Lungo le coste del Mediterraneo…

SE IL PROBLEMA DIVENTA L’IDEA DI “STATO EBRAICO”

Opposte tifoserie che ripetono ossessivamente slogan ritriti da decenni, esattamente come allo stadio quando si gioca Milan-Inter o Roma-Lazio. Così sono i due “cori” dell’opinione pubblica italiana che accompagnano la “guerra di Gerusalemme”. C’è il coro dei partiti, quasi tutti,…

Netanyahu e Hamas sono i vincitori nel breve termine della “faida barbarica”

I palestinesi sono impotenti, divisi fra il moderatismo del presidente Abu Mazen e il settarismo di Hamas. Non sono cittadini del “non-Stato” in cui vivono – le aree A e B della Cisgiordania, dove l’Autorità palestinese (Anp) esercita la sua…

SUL CRIMINE DI «APARTHEID» DA PARTE DI ISRAELE: IL DIRITTO E I FATTI DELLA STORIA

Human Rights Watch – una meritoria organizzazione dedita dalla sua fondazione alla denuncia di violazioni dei diritti umani nel mondo – ha pubblicato un rapporto (Threshold crossed: Israeli authorities and the crimes of apartheid and persecution), che definisce gli atti…

Parliamo di Palestina : elezioni e il resto

I palestinesi sono largamente impotenti, divisi fra il moderatismo di Abu Mazen e l’assolutismo ideologico di Hamas. Non sono cittadini del “non stato” in cui vivono – le aree A e B della Cisgiordania dove l’ANP esercita la sua limitata…

Alcune riflessioni sul futuro istituzionale palestinese

La realtà politico-istituzionale palestinese – nella specifica articolazione dei suoi organismi, delle corrispondenti prerogative e dei suoi equilibri funzionali e di potere – è generalmente poco conosciuta e oggetto di confusione e fraintendimenti. Ben difficilmente, del resto, potrebbe darsi un…

Un partito arabo-ebraico nelle elezioni in Israele

Diversi osservatori, che registrano con sconcerto e amarezza la debolezza del centro-sinistra in Israele, ritengono che l’unico modo per una riscossa di tale schieramento sia un’intesa con la minoranza araba nel paese: un’alleanza anche politica per costruire una società fondata…

Rapidità e discriminazioni: il vaccino tra Israele e Palestina

In quel piccolo lembo di terra contesa fra israeliani e palestinesi, tra il Mediterraneo e il Giordano, in cui convivono, avviluppati in un conflitto irrisolto, circa 7 milioni di ebrei israeliani e un numero quasi identico di arabi palestinesi (1,8…

Ricordando Yitzhak Rabin 25 anni dopo il suo assassinio

L’assassinio di Yitzhak Rabin, primo ministro di Israele, il 4 novembre 1995 fu un trauma enorme nella coscienza di sé del Paese. Portò alla superficie un sottofondo di fanatismo e di predicazione della violenza contro gli accordi di pace di…

Le proteste di piazza in Israele: quali prospettive?

LA SITUAZIONE ATTUALE Il contesto israelo-palestinese, spesso sbrigativamente descritto solo attraverso la lente del conflitto araboisraeliano, vede in questo momento i suoi attori principali affrontare numerose criticità sotterranee, che sovente sfuggono alle analisi più superficiali. Da un lato, Fatah e…

Perché la sinistra è così debole in Israele?

foto : Ehud Barak, Stav Shafir e Nitzan Horowitz Nelle ultime elezioni svoltesi nel marzo 2020 – la terza tornata elettorale in un anno – la sinistra ebraica (unitasi nell’alleanza fra il partito laburista, più attento alle istanze socio-economiche –…

Ambiguità costruttiva: il nodo Palestina nell’accordo Israele-Emirati

L’accordo stipulato di recente fra Israele e gli Emirati Arabi Uniti per giungere a normali rapporti diplomatici fra i due Paesi suggella un processo da tempo in fieri tra questi in materia di relazioni economico-finanziarie, in campo tecnologico e di…

JCALL

Copyright 2022 - JCall - Webdesign by Aryup.com